Siamo venuti a conoscenza dagli organi di stampa della problematica relativa agli integratori di curcuma ritirati dal mercato su segnalazione dell’Istituto Superiore di Sanità. L’Istituto Erboristico l’Angelica non è stato direttamente contattato dalle Autorità competenti in quanto prodotti Angelica non risultano assolutamente coinvolti.


Dagli ultimi aggiornamenti che sono pervenuti da parte delle Autorità competenti, anche se si attendono i risultati finali dei controlli effettuati dall’Istituto Superiore di Sanità, sembrerebbe ormai assodato che si possa escludere una reazione delle persone colpite dovuta al semplice uso di curcuma. Sembra infatti che il problema sia correlato a contaminazioni della materia prima impiegata negli integratori ritirati dal mercato, contaminazioni che non possono in alcun modo riguardare i prodotti dell’Istituto Erboristico l’Angelica.


Le note proprietà benefiche e funzionali della curcuma, che ha peraltro effetti epatoprotettivi e antinfiammatori, vengono confermate dalla Comunità scientifica.


La sicurezza delle nostre materie prime è garantita e tutti i parametri analitici sono pienamente e verificati continuamente dal nostro Controllo Qualità con analisi chimico-fisiche e microbiologiche. Per ancora maggiore prudenza, abbiamo comunque elevato tutti i sistemi di controllo dell’intera filiera produttiva.


Confermiamo inoltre che tutti i prodotti Angelica alla curcuma sono formulati con dosaggi di curcumina rientranti nei valori medi raccomandati dalla farmacopea.